Archivio

Archivio Febbraio 2008

Alternativa alla scheda bianca.

25 Febbraio 2008 18 commenti

 

La tentazione di votare una bella scheda bianca, alle prossime elezioni di aprile, è sempre più forte, soprattutto dopo aver letto i nomi dei possibili, anzi, altamente probabili, candidati Ichnusiani del PD e del PDL. Soliti nomi noti, carrieristi/e delle Istituzioni che non hanno mai avuto a cuore il bene della propria Terra e di chi ci abita, ma hanno saputo creare una grande fortuna personale e una bella sorgente di potere da usare nei momenti del bisogno, proprio, naturalmente. Pochi si sono distinti per meriti e impegno in campo politico, sociale, lavorativo, per questo, mi sembra opportuno prendere in considerazione un volto nuovo, come mi suggerisce l’amico GGP, che mi ha inviato il manifesto di un gran lavoratore, pronto a correre per un seggio in Parlamento, direi che, arrivati a ‘sto punto, possiamo pensare pure a lui.

Prosegui la lettura…

Cappuccino a luci rosse.

23 Febbraio 2008 11 commenti

 

Stamattina l’ho fatto. E ho pure goduto come una giraffa lasciva e viziosa, di quelle che si trovano negli angoli più appartati della savana, dietro il bush più riparato, e per trovare un cespuglio nascosto agli occhi indiscreti delle leonesse o delle zebre ce ne vuole..quelle sono sempre lì con gli occhietti pettegoli puntati sul collo, uff, sembra che non abbiano di meglio da fare, e non è che il mio collo passi inosservato. Comunque, quella delle zebre annoiate e pettegole è un’altra storia, un altro post. Stamattina, mi sono svegliata con idee bellicose in testa, stanca delle tante privazioni dell’ultimo lungo periodo, l’ho fatto, ho seguito l’istinto e con determinazione ho preso la caffettiera, quella da quattro, l’ho sistemata per benino con i granellini di caffè, l’ho minacciata mostrandole il contenitore dell’àliga e avvertendola, in modo pacato ma deciso che, in caso di caffè imbevibile, avrebbe avuto l’adeguata ricompensa, lei ha borbottato un po’ poi ha lavorato con diligenza e buona volontà. Poi, ho piazzato il bollilatte sul fuoco, dandogli gli stessi premurosi avvertimenti con indicazione del contenitore dei rifiuti, ho scaldato il latte e, grazie all’ausilio del mio personal "bollilatte prepara cappuccino" ho sbattuto per benino il latte, in modo da ottenere la morbida schiuma attraente e malefica, ho aggiunto il caffè, scaldato il cornetto e mi sono gratificata con una colazione a luci rosse, o meglio a spie rosse, perché, appena il mio organismo ha capito cosa stavo facendo, appena le papille hanno sentito quel meraviglioso sapore di caffè, tutte le spie rosse dell’esofago si sono accese, in attesa del drago sputafuoco collocato in pancia, gridando GNIIIII, GNIIIIII (è il suono del mio allarme) ATTENZIONE, ALLARME ROSSO! Ho staccato l’allarme, ecchediamine tutto ‘sto rumore, e slurp, oh, buongiorno signorina zebra, signorina leona, dormito bene?!

Prosegui la lettura…

Il punto del sole.

21 Febbraio 2008 6 commenti

 

Pare che gli antichi filosofi orientali, amanti della vita e di tutte le sue manifestazioni, lo chiamassero "punto del sole" o "punto del piacere". Il dottor Grafenberg, più scientificamente, lo definiva come una parte di tessuto particolarmente sensibile e gli ha dato pure il suo nome. Le persone normali, invece, lo considerano come Atlantide, sicuramente esiste, negli abissi più profondi, over the rainbow, o in fondo a destra ma, a dire la verità, non è che gliene importi più di tanto.

Prosegui la lettura…

Ho temuto il peggio

18 Febbraio 2008 18 commenti

 

Per un attimo, quando ho sentito della lista dei trentenni di Uolter, ho temuto il peggio. Ho temuto che UolterV. avesse intenzione di fare la Rivoluzione, uccidendo il vecchiume e le tradizioni clientelari di questo Paese, ho temuto che nel giro di  pochi giorni, Qualcuno del suo staff mi avrebbe chiamato per entrare nel gruppo dei trentenni al governo, ho temuto di dovermi impegnare per il bene del mio Paese, ho temuto uno stravolgimento dell’ordine naturale delle cose italiane. Poi, ho letto i nomi dei miei coetanei, o quasi, futuri candidati nelle liste del Pd e.. pfiù! Ho tirato un sospiro di sollievo..ci sarà un ricambio generazionale, con i gggiovani brillanti della società italiana: Colaninno, Mondadori, Benetton, Sensi etc., finalmente, il potere di questa benedetta Nazione passerà ufficialmente, per diritto ereditario, nelle mani dei figli degli attuali detentori del Potere. Meno male, per un attimo ho temuto il peggioL

Prosegui la lettura…

Abbiamo un problema.

13 Febbraio 2008 21 commenti

 

Se sette poliziotti attendono una donna che ha appena abortito, all’uscita della sala operatoria per interrogarla sull’aborto, in Italia abbiamo un problema molto serio. Se una donna che abortisce quello che sarebbe stato il suo primo figlio, gravemente malato, e lo fa in una struttura ospedaliera pubblica, nel rispetto della legge, con l’angoscia nel cuore, ancora intontita dall’anestesia viene trattata da sette poliziotti come fosse una delinquente, il problema è molto più grave di quanto si pensi e significa che in Italia la libertà delle donne, delle persone, è in serio pericolo. Lo è perché non ho ancora sentito condanne o dichiarazioni da parte dei nostri politici, dei futuri candidati ad amministrare il Paese, non ho sentito Veltroni, non ho sentito Berlusconi, non ho sentito Bertinotti, non ho sentito Casini, non ho sentito le donne, a parte il ministro Turco, che ha chiesto di non iniziare la caccia alle streghe, ma non basta. Ho sentito il diabolico e opportunista Ferrara, inutile giornalista, invocare la moratoria mondiale contro l’aborto, seguito dal nano coi tacchi, ma NON ho sentito una parola in difesa della libertà di scelta, né di rispetto nei confronti delle donne che affrontano un trauma come quello dell’aborto. E allora, credo sia necessario farla sentire quella voce, perchè il nostro silenzio viene considerato come accettazione di una politica oppressiva, fustigatrice, moralista, quando scendiamo in piazza? Non sono una femminista, però, l’utero è ancora mio e voglio continuare a gestirmelo io, non darlo in gestione a Ruini.

Prosegui la lettura…

Survival kit.

11 Febbraio 2008 15 commenti

 

Sapete quando un essere umano capisce di essere uguale agli "altri" animali? Quando inizia a sopravvivere. Capita, a volte, che nel misterioso meccanismo della vita, la funzione "vivere" venga sostituita da quella di stand-by "sopravvivere", con la scoperta, o riscoperta, dell’istinto di conservazione. In queste fasi è fondamentale dotarsi di un kit di sopravvivenza, uno zainetto che contenga tutto il necessario per l’auto-conservazione.

Prosegui la lettura…

Test dell?impronta ecologica.

9 Febbraio 2008 13 commenti

 

Eh già, si fa presto a dire io non conto niente in questo mondo, cosa vuoi che gliene freghi al mondo di me, tappina, tappino, brutto, piccolo, insignificante..e INVECE NO! Giraffe, madraffe, a quattro zampe o a due, lasciamo l’impronta su questa Terra, talvolta, pure pesante, se volete scoprire la vostra impronta ecologica, vi consiglio questo test (l’ho trovato nel blog di Alessio) non iniziate a sbuffare, borbottando "è troppo lungo, ufff, che palle questa qua, non ne ho voglia, uffff", a parte il fatto che vi sento e mi offendo (!!) è un modo per capire un pochino meglio qual è il nostro ruolo nel mantenimento dell’equilibrio della Terra in cui viviamo e che, spesso, maltrattiamo.

Prosegui la lettura…

Il traffico nella capitale del Mediterraneo. Raccontato da Ringrazio Deledda.

7 Febbraio 2008 30 commenti

L’alternativa.

1 Febbraio 2008 38 commenti

 

Dalle mie parti, il lavoro scarseggia, gli euri pure, però abbiamo un’ottima alternativa al centro commercialeJ

Prosegui la lettura…